Tag Archive Poliuretano a spruzzo per tetti

Impermeabilizzazione tetto piano

impermeabilizzazione tetto piano

Il tetto piano

Il tetto piano, così come anche le coperture calpestabili, è soggetto all’azione di diversi fattori che ne  limitano la durata operativa: lunghi periodi di esposizione a calore e temperatura elevati; sollecitazioni meccaniche; variazioni termiche improvvise e azione deleteria dei raggi ultravioletti. Inoltre, se il tetto è praticabile, anche la protezione deve avere caratteristiche di calpestabilità e se, al contrario, il tetto non si può praticare, l’impermeabilizzante deve comunque garantire una buona resistenza agli agenti atmosferici.

Impermeabilizzazione tetto piano

Oggi, l’impermeabilizzazione tetto piano può contare su diverse soluzioni. Una di queste è l’utilizzo della poliurea, un elastomero poliureico con ottime qualità prestazionali. Innanzitutto il prodotto di presenta in forma liquida e si applica in modo tale da formare un unico manto coprente, esente da pericolosi punti di giunzione nei quali, col tempo, potrebbe infiltrarsi l’acqua. La sua applicazione deve essere necessariamente eseguita da personale specializzato, poiché la macchina utilizzata per l’operazione opera ad una pressione di esercizio di 250 bar, con il liquido che raggiunge una temperatura di 80 °C circa. Il tempo di reazione della poliurea, circa due secondi, unito al rapido indurimento (entro gli 8 secondi), la rendono un prodotto idoneo all’utilizzo su tutti i tipi di coperture, da quelle piane a quelle inclinate, fino alle operazioni su pareti o elementi verticali.

Ulteriori caratteristiche della poliurea

La poliurea è calpestabile quando siano trascorsi 60 secondi dalla sua applicazione e si può utilizzare in un lasso di temperature che va da -40 °C  fino a + 100 °C.  Il fatto di avere un raggio di operabilità così ampio permette di poterla applicare praticamente in qualunque periodo dell’anno. Ad asciugatura avvenuta, il manto che se ne origina è praticamente antiscivolo e il prodotto è completamente colorabile in tutte le tinte RAL, qualora particolari esigenze estetiche lo richiedessero. Il suo utilizzo non è relegato alle nuove costruzioni: per le sue caratteristiche è in grado di incapsulare ogni tipo di supporto, compreso l’amianto; una proprietà utile in caso di ristrutturazioni.

Isolamento termico muri perimetrali

isolamento termico muri perimetrali

Il tipo di isolamento

Isolare vuol dire, in termini tecnici, preservare una struttura nelle sue caratteristiche iniziali e tenerla lontana da effetti che possono incidere sulla sua funzionalità, sulla sua qualità e sul suo aspetto estetico. L’isolamento termico muri perimetrale rappresenta una possibilità reale ed efficiente per proteggere l’edificio dagli agenti atmosferici esterni che danneggiano, in misura diversa e con tempistiche diverse, la funzionalità dell’edificio provocando crepe, infiltrazioni e scolorimenti nei migliori dei casi. Le muffe, l’umidità e la caduta dell’intonaco sono conseguenze più incisive. Isolare un edificio vuol dire, in secondo luogo, risparmiare non solo in termini di manutenzione ma anche rispetto al mantenimento costante della temperatura interna non più soggetta a inutili dispersioni; l’obiettivo consiste infatti nel ridurre il trasferimento di calore.

Vantaggi

Il più importante aspetto a favore dell’isolante in poliuretano è che, a parità di spessore rispetto a differenti soluzioni, esso ottiene maggiori risultati. E’ quindi meno invasivo e rispetta lo spazio a disposizione senza comportarne eccessive riduzioni. L’isolamento termico muri perimetrali attraverso il poliuretano garantisce importanti vantaggi interni oltre che esterni poiché protegge il muro creando una barriera coibente dalle alte prestazioni. E’ leggero, dura nel tempo, non si deforma se esposto a temperature basse o elevate, è impermeabile, è sicuro nell’applicazione e nell’uso, veloce e in linea con i parametri ambientali e per la salute dell’uomo.

Gli utilizzi

L’isolamento termico muri perimetrali si adatta a qualsiasi muro esterno realizzato in materiali diversi e aderisce senza problemi a superfici differenti e anche dalle diverse forme. Il poliuretano garantisce la funzionalità senza nessun intervento di manutenzione per tutta la durata di vita dell’edificio; utilizzabile sia per ristrutturazioni su edifici antichi che per strutture nuove. Le precise caratteristiche di questo materiale riducono il propagarsi di incendi ed esso resta ben saldo anche se sollecitato dal passaggio, carico e scarico di attrezzi pesanti nelle sue vicinanze.

Comparazione tra le prestazioni della poliurea e altri polimeri

ca97d8220436734cb13f58a74dd55b7017555e66

I vantaggi sicuri

I principali vantaggi dell’applicazione della poliurea rispetto all’utilizzo di altri polimeri sono i seguenti: i tempi di applicazione e di effettivo utilizzo che si attestano intorno a un giorno lavorativo, la possibilità di transito dopo le 24 ore, l’elevata flessibilità, elasticità e continuità della membrana, la durata del prodotto che si aggira intorno ai 20 anni e la garanzia di efficienza e funzionalità che si aggira invece intorno ai 10 anni. Questo sarebbe sufficiente a scegliere di impermeabilizzare e isolare le superfici con la poliurea piuttosto che con l’utilizzo di altri polimeri. Ma vediamo nel dettaglio perché.

Prestazioni eccellenti

La poliurea viene applicata con erogatore ad alta pressione a spruzzo e il suo composto è privo di solventi ed inodore, per garantire il rispetto delle condizioni ambientali. Aspetto questo non sempre assicurato con l’impiego di altri polimeri. Le alte prestazioni della poliurea riguardano poi, in aggiunta, l’ampia possibilità di applicazione anche in condizioni di temperatura ambientale sicuramente poco agibili; la velocità di polimerizzare le componenti molecolari al suo interno si realizza anche a temperature estreme. La poliurea è indubbiamente, se paragonata ad altri polimeri, quella che possiede non solo la maggiore resistenza al contatto con sostanze corrosive, oli e solventi abrasivi ma essa resiste in modo eccellente anche a scosse e a vibrazioni della superficie nonché a scosse di tipo termico.

Confronti

Spesso i polimeri si presentano in blocchi rigidi seppur di peso molto inferiore rispetto a pannelli di altri materiali. Tuttavia è proprio nella caratteristica intrinseca dell’applicazione in loco, che le prestazioni della poliurea eccedono. L’applicazione con erogatore permette di assicurare il riempimento di qualsiasi fessura arginando crepe e avvallamenti e uniformando e livellando la superficie eliminando qualsiasi difetto operativo. La poliurea nella sua applicazione, elimina una serie di problematiche importanti e spesso onerose riferite al trasporto, alle tempistiche di impiego e alla manutenzione

Benessere interno e risparmio con l’impermeabilizzazione a spruzzo

impermeabilizzazione a spruzzo

Più comfort con l’impermeabilizzazione a spruzzo

All’interno della propria abitazione, per poter creare un ambiente confortevole, si devono tenere lontani una serie di fastidiosi intrusi: rumore, caldo o freddo eccessivi, umidità e il formarsi della muffa non sono certo ospiti graditi. La messa in atto di un isolamento termico e acustico adeguato è quindi una garanzia che ci permette di godere di uno stato di benessere fra le mura di casa. Ma quale soluzione scegliere fra le tante attualmente utilizzate? Risultati sicuri e decisamente apprezzabili vengono segnalati a seguito dell’impiego del poliuretano a spruzzo utilizzato come rivestimento isolante. A fianco dell’efficacia, anche i costi contenuti rendono questo materiale fortemente competitivo rispetto ad altri impiegati con il medesimo scopo.

Una lavorazione con tanti vantaggi

La tecnica dell’impermeabilizzazione a spruzzo di poliuretano nell’ambito dell’isolamento termico e acustico degli edifici sta riscuotendo sempre maggior successo anche perché sia la pratica quotidiana sia le ricerche in merito, ne confermano l’efficacia e la praticità. Sicuramente non trascurabile, fra i tanti vantaggi offerti da questa lavorazione c’è la possibilità di non dover modificare la struttura portante della casa. Per ottenere i risultati promessi, infatti, non occorre aggiungere nuove strutture ai pavimenti o alle pareti ma è sufficiente tinteggiare le zone da isolare con un prodotto apposito e dall’elevato potere impermeabilizzante. Il poliuretano a spruzzo affianca alle ottime proprietà fisiche e chimiche una totale assenza di invasività e la completa assenza di scarti da smaltire.

Versatilità del poliuretano a spruzzo

Questo materiale decisamente innovativo si presta, con eccellenti risultati, anche come isolante e impermeabilizzante destinato non solo alle abitazioni. Trova grande impiego anche per impermeabilizzare la base delle piscine, delle terrazze, dei giardini e delle fondamenta. Se applicato in modo corretto elimina definitivamente il problema della muffa e della condensa, decisamente dannose anche per la salute, sia negli ambienti chiusi sia in quelli aperti.

Impermeabilizzazione vasche: quale soluzione scegliere?

impermeabilizzazione vasche

L’importanza dell’impermeabilizzazione vasche

L’impermeabilizzazione vasche è un’operazione fondamentale per evitare che piccole perdite compromettano il funzionamento dell’intero sistema. Pensare ad esempio ai serbatoi che contengono acqua potabile: se essi non sono impermeabili la pressione dell’acqua può essere davvero dannosa. Un mancato intervento in questo senso può portare alla perdita di molti litri d’acqua, con conseguenti sprechi di risorse e perdite economiche. Una buona soluzione per prevenire tutto questo è la Poliurea a spruzzo.

Poliuretano a spruzzo: perché preferirlo?

Il poliuretano è un materiale plastico che trova, grazie ad alcune sue caratteristiche, numerosi campi di applicazione. Viene utilizzato sia per isolare termicamente delle strutture, sia appunto per renderle impermeabili. Questo materiale è preferibile perché può essere facilmente smaltito con rifiuti urbani, e quindi non ha eccessivo impatto sull’ambiente. Inoltre permette di avere un ottimo isolamento utilizzando spessori estremamente ridotti. Il poliuretano ha poi altri due grandi vantaggi: quando viene spruzzato solidifica abbastanza in fretta; può essere applicato facilmente su qualsiasi superficie. Uno dei principali metodi di applicazione del poliuretano per impermeabilizzare le vasche è quella a spruzzo. Ma in cosa consiste esattamente?

Metodi di applicazione

Come nel caso dell’applicazione attraverso colata, quella a spruzzo avviene grazie a specifiche macchine montate su carrelli che permettono appunto di spruzzare il prodotto alla giusta temperatura. Poliurea Italia, ad esempio, utilizza per lo spruzzo una macchina bmixer a 250 bar di pressione, che raggiunge una temperatura di circa 80°. Lo spessore in questo caso sarà compreso tra i 2 e i 3 millimetri. Il materiale che si è miscelato all’interno della macchina grazie all’elevata pressione, una volta nebulizzato, si solidifica nell’arco di quindici o venti secondi.  Un indurimento così rapido, infine, permette di non interrompere il funzionamento dell’eventuale impianto per troppo tempo, e comporta conseguentemente un notevole risparmio in termini economici.

Poliuretano a spruzzo per tetti, la soluzione definitiva

Poliuretano a spruzzo per tetti sul blog di Poliureaitalia.it

Evitare le dispersioni di calore

La coibentazione del tetto è uno di quegli interventi pressoché fondamentali se si ha l’esigenza di dover tagliare in maniera importante le spese energetiche della propria azienda o della propria casa. Infatti, dato che il calore sale verso l’alto, il tetto è il maggior responsabile delle dispersioni di calore verso l’esterno. Queste perdite vanno poi ad incidere in maniera considerevole sulla bolletta, perché vi costringono ad azionare il riscaldamento alla potenza massima. Tra gli interventi di isolamento più richiesti vi è la coibentazione con poliuretano a spruzzo. Il poliuretano a spruzzo per tetti garantisce prestazioni superiori in pochissimi centimetri di spessore ed è quindi la soluzione ideale se volete isolare il tetto del vostro edificio senza ricorrere ad interventi troppo invasivi.

Efficace, versatile, economico

Oltre ad avere un incredibile rapporto spessore/prestazioni, il poliuretano espanso a spruzzo è anche estremamente versatile, basti pensare che può essere applicato praticamente su ogni superficie, dai solai alle pareti esterne fino alle fondazioni contro terra. Grazie alle caratteristiche uniche del poliuretano a spruzzo per tetti, l’applicazione è velocissima e senza sgocciolamento di prodotto. Si tratta di una soluzione interessante dal punto di vista economico rispetto ad altri trattamenti alternativi, che la rende un’opzione da prendere seriamente in considerazione se volete isolare il vostro edificio senza dover investire una grande quantità di denaro. In ogni caso, dopo l’applicazione del poliuretano a spruzzo sul vostro tetto, potrete cominciare subito a risparmiare, e questo vi consentirà di rientrare della spesa fatta in poco tempo.

Poliuretano a spruzzo per tetti – scegliete un’azienda specializzata

L’applicazione del poliuretano spruzzato per la coibentazione del tetto deve essere fatta da tecnici altamente specializzati, in modo che la stesura del prodotto risulti omogenea su tutta la superficie. Affidandovi ad un’azienda specializzata avrete quindi la certezza di un lavoro eseguito a regola d’arte, che vi consentirà di iniziare subito a risparmiare energia.