La coibentazione è una tecnica che permette di isolare due sistemi con due diverse condizioni ambientali, in modo da non permettere lo scambio di calore. La coibentazione con poliuretano a spruzzo è migliore di qualsiasi altro tipo di isolamento per ridurre le perdite d’aria. La coibentazione con poliuretano a spruzzo è relativamente facile da applicare, anche se non economico, e permette di riempire completamente le cavità delle pareti o del soffitto.

Il poliuretano a spruzzo è chiamato anche schiuma “bicomponente”. Due ingredienti, convenzionalmente denominati componenti “A” e “B”, vengono miscelati in loco utilizzando attrezzature speciali montate su un rimorchio o un camion. I tubi riscaldati convogliano i componenti attraverso una pistola di miscelazione che spruzza le sostanze chimiche sulle superfici da isolare. Una reazione chimica inizia non appena le sostanze chimiche si mescolano. La miscela liquida si schiude, si espande e infine si indurisce.

Sebbene la coibentazione con poliuretano a spruzzo abbia molti vantaggi rispetto ad altri tipi di isolamento, questo metodo non è infallibile. Alcuni costruttori hanno segnalato problemi di isolamento. Ad esempio, è noto che alcuni installatori iniziano a spruzzare prima che i componenti chimici raggiungano la temperatura adeguata, il che può influire sulla miscelazione dei componenti e sulle prestazioni della schiuma. Quando i componenti sono scarsamente miscelati o miscelati nel rapporto sbagliato o alla temperatura sbagliata, la schiuma polimerizzata si può ritirare dalla superficie lasciando crepe.

Per questo motivo è sempre fondamentale rivolgersi a specialisti del settore, come quelli di Poliurea Italia. Per qualsiasi domanda, non esitate a contattare i professionisti della suddetta azienda.