Antisale per muri: come scegliere il prodotto ideale

In diversi casi, un intervento di risanamento dei muri non è sufficiente ad evitare il ripresentarsi, a distanza di tempo, di problemi legati all’umidità. Per tale motivo è importante trovare una soluzione che impedisca all’acqua di risalire, e in grado di assicurare una perfetta asciugatura della muratura. Proteggere l’intonaco significa anche riuscire a trattare i sali in modo adeguato.

Le difficoltà nel reperire un antisale per muri efficace

In commercio esistono diversi metodi da adottare in questi casi, anche se non tutti si rivelano realmente efficaci. Solitamente vengono proposte pitture, rinfazzi o neutralizzanti antisale. Si tratta di prodotti liquidi da spennellare sul muro che risultano, però, eccessivamente invasivi ed irreversibili. Inoltre, questi antisale per muri si limitano ad agire a livello superficiale (i sali rimasti in profondità rischiano così di cristallizzare creando danni allo strato superficiale) e riducono la traspirabilità della muratura stessa.

Antisale per muri: la soluzione proposta da poliurea.it

Chi è in cerca di un antisale realmente efficace ha l’opportunità di rivolgersi a poliureaitalia.it. L’azienda ha scelto di specializzarsi nell’impiego del poliuretano, materiale ideale per l’isolamento di qualsiasi abitazione la cui diffusione è stata favorita dal fatto di rappresentare un ottimo isolante termico ed acustico. Si rivela una scelta ottimale per le persone che desiderano isolare la propria casa non solo dal rumore, ma anche dagli sbalzi di temperatura, da umidità e muffa.

In particolare, la poliurea a spruzzo, impiegata quale rivestimento isolante, garantisce risultati sicuri e, al tempo stesso, si caratterizza per facilità di applicazione. Terminata la fase di vaporizzazione sono sufficienti pochi secondi alla poliurea per indurirsi, portando alla formazione di uno stato impermeabilizzante che impedisce all’acqua di infiltrarsi nelle crepe eventualmente presenti nei muri.

A distinguerlo da altri metodi sono anche l’invasività ridotta e l’assenza di scarti.