Monthly Archive luglio 2019

Metodi e tipi di impermeabilizzazione civile

Impermeabilizzazione con rivestimento bituminoso

L’impermeabilizzazione civile negli edifici indica la formazione di una barriera impermeabile sulle superfici di fondazioni, tetti, pareti e altri elementi strutturali dell’edificio per impedire la penetrazione di acqua attraverso queste superfici.

I seguenti metodi di impermeabilizzazione civile sono comunemente usati nella costruzione.

Impermeabilizzazione cementizia: l’impermeabilizzazione cementizia è il metodo più semplice di impermeabilizzazione civile. I materiali per l’impermeabilizzazione cementizia sono facilmente reperibili dai fornitori di prodotti in muratura e sono facili da miscelare e applicare. L’impermeabilizzazione cementizia è utilizzata maggiormente nel seguente tipo di strutture:

  • Impianti di trattamento acque
  • Impianti di depurazione
  • Ponti
  • Dighe
  • Sistemi ferroviari e metropolitani
  • Porti e banchine per navi marine
  • Tunnel

Membrana impermeabilizzante liquida: la membrana liquida è un rivestimento sottile che consiste di solito in uno strato di primer e in due mani di strati superiori che vengono applicati a spruzzo, rullo o cazzuola.

Membrana bituminosa: Il rivestimento bituminoso è un tipo di rivestimento utilizzato per l’impermeabilizzazione civile e un rivestimento protettivo flessibile in base alla sua formulazione e al grado di polimerizzazione. È un eccellente rivestimento protettivo e agente impermeabilizzante, specialmente su superfici come le fondamenta in calcestruzzo.

Rivestimento bituminoso: l’impermeabilizzazione a membrana bituminosa è un metodo popolare utilizzato per tetti a bassa pendenza. La membrana esposta spesso ha un aggregato granulare minerale per resistere all’usura e agli agenti atmosferici.

Membrana liquida in poliuretano: Il metodo di impermeabilizzazione civile con membrana liquida in poliuretano viene utilizzato per l’area del tetto piano che è maggiormente esposto agli agenti atmosferici. La membrana liquida in poliuretano inoltre, può offrire una maggiore flessibilità. Questo metodo di impermeabilizzazione è costoso, ma è molto efficiente.

Poliurea Italia è un’azienda specializzata in impermeabilizzazione civile, per qualsiasi domanda o chiarimento non esitate a mettervi in contatto con gli esperti professionisti che operano in azienda.

 

Come ottenere un isolamento duraturo nel tempo

Isolamento duraturo nel tempo

Con isolamento duraturo nel tempo si intende una barriera termicamente resistente che inibisce la migrazione di energia termica dentro e fuori casa. In poche parole, un isolamento duraturo nel tempo permette di avere una casa più fresca in estate e più calda in inverno, con una bolletta energetica di conseguenza più bassa.

Una casa ben isolata significa che l’aria condizionata e il sistema di riscaldamento o della stufa funzionano meno spesso e quindi, oltre a risparmiare denaro per le bollette di riscaldamento e raffreddamento, l’aria all’interno della casa non viene “elaborata” e risulta quindi più pulita e respirabile.

Un isolamento duraturo nel tempo non serve solamente nel caso di caldo e freddo, ma anche nella riduzione dei suoni e dei rumori esterni alla casa. Le persone vicino agli aeroporti, ad esempio, o vicino a parchi gioco e scuole, riportano spesso testimonianze di inquinamento acustico più o meno rilevanti. Grazie ad un isolamento duraturo nel tempo anche questo tipo di problema viene drammaticamente ridotto.

Inoltre, con un isolamento duraturo nel tempo non infiammabile, si ottiene anche una protezione antincendio per la casa. L’isolamento diventa così un bersaglio difficile per il fuoco, la cui diffusione viene rallentata addirittura fino al 57%. I test svolti parlano chiaro.

Last but not least, un isolamento duraturo nel tempo può essere una difesa anche nei confronti di insetti, termiti, roditori, parassiti, muffe e funghi. Inoltre, si potrà riscontrare una riduzione della condensa su soffitti e pareti.

Poliurea Italia si occupa giornalmente di progettare isolamenti duraturi nel tempo per i suoi clienti, non esitate quindi a mettervi in contatto con il team di esperti per avere un preventivo gratuito.

 

Incapsulamento dell’amianto: perché la rimozione non è sempre l’opzione migliore

Incapsulamento dell'amianto

L’amianto è stato ampiamente utilizzato dal settore dell’edilizia dagli anni ’50 alla metà degli anni ’80 circa per una vasta gamma di applicazioni, la più comune delle quali è l’isolamento ignifugo e l’isolamento. I materiali di amianto in buone condizioni sono considerati sicuri a meno che le fibre di amianto non vengano disperse nell’aria, cosa che accade quando i materiali vengono danneggiati. I rischi per la salute includono malattie tra cui il cancro del polmone, l’asbestosi o il mesotelioma. Perché optare per l’incapsulamento dell’amianto invece che sulla rimozione? Quali sono i vantaggi in questo caso?

La rimozione dell’amianto può sembrare la scelta più ovvia, ma è spesso complicata, costosa e può comportare lunghi periodi di inattività. Al contrario, l’incapsulamento dell’amianto all’interno di un rivestimento protettivo è probabilmente il metodo più sicuro ed economico per la gestione dell’amianto.

Come funziona l’incapsulamento dell’amianto?

Questo processo comporta la copertura dell’amianto con un rivestimento specifico che principalmente:

  • protegge e ripara qualsiasi amianto danneggiato e sigilla tutti i bordi esposti;
  • aumenta la vita utile del materiale;
  • riduce qualsiasi rilascio di materiale pericoloso a causa della degradazione generale;
  • protegge da urti accidentali e graffi;
  • migliora l’aspetto generale del materiale.

Per applicare il rivestimento vengono utilizzati prodotti speciali in poliurea, che in genere devono essere applicati una sola volta. Rispetto ad altri materiali più tradizionali come il poliuretano e gli epossidici, le tecnologie in poliurea offrono un’applicazione veloce e affidabile. Come con qualsiasi trattamento di poliurea, anche l’incapsulamento dell’amianto viene eseguito da personale specializzato, come quello di Poliurea Italia. Per maggiori informazioni sull’incapsulamento dell’amianto o su altri utilizzi della poliurea, non esitate a mettervi in contatto con Poliurea Italia.

 

4 modi per isolare una casa

4 modi per isolare la casa

La maggior parte delle case in Italia, soprattutto nei centri storici, non presentano un isolamento termico ottimale. Queste costruzioni sono state realizzate con muri spessi per garantire un minimo di isolamento ma chiaramente presentano diversi svantaggi, come ad esempio pareti in laterizio troppo sottili. Questo si ripercuote sulla capacità di trattenere il calore durante i mesi più freddi e, viceversa, il fresco durante i mesi più caldi.

Per risolvere questo tipo di problema, per isolare una casa e di conseguenza risparmiare sulla bolletta, è molto spesso necessario investire in alcuni lavori di ristrutturazione. Vediamo quali.

  1. Isolare le pareti

Per farlo, è possibile riempire gli spazi vuoti delle pareti, ad esempio con applicazioni in poliuretano per l’isolamento. Per l’esterno vengono invece di solito utilizzati dei pannelli con fibra minerale.

  1. Isolare il tetto

Se abitate all’ultimo piano o avete una mansarda, è necessario pensare anche all’isolamento del tetto. Anche qui applicazioni in poliuretano per l’isolamento possono fare miracoli.

  1. Cambiare gli infissi

Molto spesso pareti e tetto possono essere isolati nel migliore dei modi, ma il calore o il freddo entrano dai vecchi infissi. È necessario quindi scegliere infissi a taglio termico in modo da non rendere vani gli altri lavori di isolamento dell’abitazione.

  1. Controllare l’aerazione

Chiaramente, in qualsiasi periodo dell’anno, è necessario anche arieggiare i locali. Il consiglio qui è di farlo solamente nei momenti in cui gli impianti – di riscaldamento o l’aria condizionata – sono disattivati. Nello specifico, non esiste un momento particolare della giornata in cui questo processo è raccomandato, ma dipende puramente dalle abitudini del padrone di casa.
Questi e molti altri modi sono consigliati per isolare una casa. Se volete saperne di più non esitate a contattare Poliurea Italia, gli esperti degli isolamenti.

 

Che cos’è il poliuretano a spruzzo

Poliuretano a spruzzo

Il poliuretano è un materiale plastico impiegato per diversi utilizzi, non solo nel settore edilizio e dell’impermeabilizzazione, ma anche nell’industria dell’abbigliamento, soprattutto sportiva, o in quella dei materassi, per non dimenticare il settore automobilistico. Sicuramente però, il settore in cui viene maggiormente utilizzato è quello edilizio, dove questo materiale viene impiegato in differenti formati, fra cui anche il poliuretano a spruzzo, di cui vi parleremo in questo articolo.

Poliuretano a spruzzo: i vantaggi e le caratteristiche

Grazie alle sue caratteristiche, il poliuretano a spruzzo può essere esteso facilmente su diverse superficie, anche molto vaste ed irregolari e la sua bassa conducibilità termica lo rende un materiale perfetto per l’isolamento.

Il poliuretano a spruzzo può essere distribuito attraverso un macchinario specifico. Fra i suoi vantaggi troviamo:

  • maggiore aderenza su qualsiasi tipo di superficie, legno, acciaio, vetro…
  • risparmio del tempo di applicazione e dei costi di manodopera;
  • riduzione dell’impatto ambientale dovuto al suo trasporto.

 

Poliuretano a spruzzo: l’applicazione

L’applicazione di questo materiale non è invasiva. Ciò significa che, se richiesto, è necessaria solamente una piccola interruzione delle attività che normalmente si svolgono sulla superficie che si sta trattando con il poliuretano a spruzzo. Il suo indurimento avviene infatti in pochi secondi ma l’impermeabilizzazione e/o isolamento della superficie sarà davvero ottimale.

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni sul poliuretano a spruzzo e sulle sue caratteristiche e benefici, non esitate a contattare Poliurea Italia.